Misure GAS RADON in ambienti confinati

Scopri anche tu se,  a casa tua o sul posto di lavoro,  hai il gas radon e poi, in base ai valori, potrai scoprire come si attenua.

 

Il gas radon, incolore e inodore, è un gas radioattivo “naturale” proveniente dal sottosuolo che può risalire all’interno degli edifici ed è presente ovunque nel nostro territorio, nell’acqua e nell’aria. La quantità dipende oltre che dalla struttura geologica, anche dal piano di abitazione o di lavoro, dalle abitudini di vita, dal livello di ventilazione presente, dalla tecnologia e dai materiali impiegati nella costruzione, dalle condizioni atmosferiche.

Dosimetri misura gas radon

Dosimetri misura gas radon

Effetti sull’uomo del gas radon

I danni, anche gravi a dosi elevate, sono a carico dell’apparato respiratorio, soprattutto in luoghi polverosi. La normativa italiana (DL 241/00) obbliga il monitoraggio dei locali interrati adibiti alla permanenza anche saltuaria di persone (sia lavoratori che pubblico) stabilendone i limiti, le modalità di indagine e gli obblighi.

L’indagine del gas radon  prevede la verifica delle caratteristiche dei locali da monitorare e va effettuato da personale qualificato e con provata esperienza mediante apposite apparecchiature riconosciute dalla normativa.

L’indagine chiesta e stabilita dalla normativa avviene mediante il posizionamento di “dosimetri” a lunga durata. Esiste comunque la possibilità, consigliata qualora sussistano dei dubbi sulla presenza del gas e prima di eseguire l’indagine per il periodo prolungato, di effettuare uno screening di breve durata in modo da non aspettare di sapere i risultati dopo mesi.

Il nostro servizio di misure è articolato in cinque fasi:

  1. Sopralluogo e verifica dei locali, eventuale rilievo, raccolta documentazione;
  2. posizionamento dei dosimetri nel numero necessario per la misura della concentrazione del radon;
  3. analisi dei dosimetri e risultati, verifica dei limiti;
  4. consegna e spiegazione dei report misure con identificazione planimetrica o fotografica dei punti di rilievo;
  5. relazione con proposte di bonifica nel caso di superi dei limiti di riferimento con eventuale supporto tecnico per gli interventi.

Documenti utili